Tag Archives: rivolte

Quel pomeriggio a Roma: 15 ottobre 2011

Si avvia alla  conclusione il “processone” per i fatti del 15 ottobre 2011 a Roma, terzo filone processuale relativo a quella giornata di rivolta. Con due compagni di Rete Evasioni facciamo il punto sull’intera vicenda: il racconto della giornata e il clima politico di quel momento, la lunga vicenda giudiziaria che ne è seguita, con accuse assai pesanti quali devastazione e saccheggio e tentato omicidio, e alcune considerazioni riguardo la solidarietà costruita attorno a questo avvenimento. Scarica il podcast

Roma ’74 – Memorie di una battaglia –

Era l’inizio di Settembre. Uno spontaneo insieme di famiglie abitava da mesi un palazzo occupato in un quartiere di periferia quando su decisione del governo la polizia arrivò in forze e buttò tutti per strada… Così inizia questa storia così simile a tante altre di ieri e di oggi. Quello che segue però è soprattutto il racconto di ciò che accadde dopo. Il ricordo di una battaglia che tra il 5 e l’8 Settembre del ’74 coinvolse l’intero quartiere di

Sulle notti della collera. Una chiacchierata con Alessi dell’Umbria

La scorsa settimana un tribunale dello Stato francese ha assolto i due poliziotti incriminati per la morte di Zyed e Bouna che, dieci anni fa, scatenò una delle più importanti rivolte delle banlieues di Francia. Nulla di che stupirsi, a ben vedere. Non è dai tribunali che ci aspettiamo giustizia. Ritorniamo sulle “notti della collera” del 2005 con Alessi dell’Umbria, autore del libretto “C’est la racaille? Eh bien, j’en suis” (tradotto in italiano col titolo “Il rogo della vanità”). Scarica

Zad partout: cronache dopo una morte annunciata

Nelle ultime settimane, dopo la morte di Rémi Fraisse, ucciso da una granata della polizia francese durante gli scontri alla Zad di Sivens, innumerevoli sono state le manifestazioni di solidarietà, rabbia e attacco contro le forze dell’ordine. Abbiamo sentito due compagni francesi per avere aggiornamenti ed elementi di analisi su quanto sta avvenendo in questi giorni in Francia. Scarica il podcast

Tre giorni a luglio: l’organizzazione della rivoluzione spagnola

Spagna 1936: Guerra e Rivoluzione. Il 19 luglio del 1936 il “levantamiento” di Franco fallisce in tutti quei territori che seppero oppore resistenza ai militari golpisti. In questa intervista Augustin Guillamón, storico catalano, autore del libro I Comitati di difesa della CNT a Barcellona (1933-1938), ci racconta gli eventi che portarono alla rivoluzione spagnola e al suo fallimento. A Barcellona la popolazione in armi riuscirà in soli due giorni a spazzare via i militari e a confinare la polizia nelle

Amburgo zona rossa

Amburgo. Inizio 2014. Stato d’eccezione dichiarato in città, alcuni quartieri dichiarati “zone di pericolo” a tempo indeterminato. Un passo indietro. Amburgo. 21 dicembre 2013. Un enorme corteo a difesa di uno storico spazio del movimento cerca di partire dal punto di concentramento e dispiegarsi per la città . La polizia si schiera subito con mezzi corazzati e impedisce di fatto alla manifestazione di prendere il via. Da qui seguono ore e ore di scontri diffusi per le strade. Una stazione

CrimethInc: dopo la cresta dell’onda

CrimethInc è un collettivo decentrato statunitense d’ispirazione libertaria. Nato sulla base di una necessità di ribellione individuale e immediata contro il presente, ha sviluppato diverse suggestioni teoriche nel quadro del movimento libertario statunitense degli ultimi vent’anni. Da un membro del collettivo ci siamo fatti raccontare alcuni aspetti della loro riflessione ed esperienza, per concentrarci su uno dei loro ultimi contributi (After the crest) relativo al rapporto tra componenti anarchiche e movimenti di rivolta, con le loro contraddizioni e il loro

Un italiano sul bosforo

Una rivolta improvvisa. Una partenza altrettanto improvvisa. E così un italiano si trova nel pieno della battaglia di piazza Taksim. Intorno a lui cortei infiniti, barricate monumentali e una coltre di nebbia lacrimogena che neanche sul naviglio d’inverno. Nella sua testimonianza diretta le distanze si accorciano e scopriamo che raccontare Istanbul, in fondo, é raccontare le nostre città, e ascoltare la rivolta possibile che si cela imprevista dietro l’angolo. Scarica il podcast

« Older Entries Recent Entries »