Tag Archives: storie di Milano

Lo stocco e la stoccata: sanità in sciopero a Milano

L’emergenza Covid rappresenta una ghiotta occasione per i dirigenti sanitari per fare piazza pulita di una serie di accordi sindacali e introdurre nuove integrazioni peggiorative ai contratti aziendali. Alla carenza cronica di personale, s’aggiunge così la svendita dei diritti di chi lavora nelle corsie, sottoponendo i turnisti ad una pressione esasperante. Dopo lo stato d’agitazione indetto dall’USI e la lettera di 50 medici del pronto soccorso del San Carlo, arriva lo sciopero del 14 dicembre. Ce ne hanno parlato due

Cpr di Corelli: dentro la rivolta e la lotta in città

Dopo la riapertura il 28 settembre 2020 del Cpr di via Corelli a Milano, la rivolta dei reclusi non si è fatta attendere a lungo. Già dopo poche settimane i detenuti di questo carcere speciale per immigrati hanno mostrato di sapere bene come non ci sia altra via per liberarsi da quella struttura se non quella della sua distruzione. E lo conferma la notizia di un’altra rivolta scoppiata venerdì 20 novembre, mentre stavamo preparando la pubblicazione di questo contributo audio. Al

Scherza coi fanti, ma lascia stare i santi. Sulla situazione negli ospedali S. Paolo e S. Carlo di Milano

Quali sono le condizioni di lavoro cui è sottoposto il personale infermieristico in quest’epoca di pandemia? Al netto della stucchevole retorica di guerra che li ha dipinti come “eroi in prima linea”, gli operatori sanitari degli ospedali sono costretti a regole, ritmi e prestazioni professionali sempre più pesanti che la direzione amministrativa impone unilateralmente, forte d’un regime di sostanziale negazione dei diritti sindacali. Ciò mentre le carenze di personale si fanno croniche, i pochi nuovi assunti provengono tutti dalle cooperative e

Tutta mia la città. Sullo sciopero dei riders

  Tra picchetti volanti, blocchi del traffico e pasti consumati insieme per strada – anziché essere consegnati al cliente – da qualche giorno ha preso il via la protesta dei riders. Da quando un nuovo contratto, che conferma il cottimo e abbassa le tariffe, è stato siglato, si ritrovano  in Piazza 24 maggio per poi attraversare in lungo e in largo il centro urbano e “scioperare” l l’ultimo miglio della smartcity, quel tratto, d’asfalto o pavé, che separa la merce

Milano… eppur (qualcosa) si muove

Nella Milano ormai sopita e inerte, tre diversi momenti nel giro di pochi giorni hanno smosso e, forse, scosso l’immobilità e la rassegnazione imperanti: un’occupazione intensa, ancorché di breve durata, un presidio animato e solidale intorno al Cpr di via Corelli e una piazza con tratti selvaggi che ha espresso una naturale ostilità alle soffocanti e insensate regole dell’attuale èra pandemica.    

Nei meandri del dispositivo correttivo minorile

Da anni ormai, nella aule scolastiche di ogni genere e grado, l’educazione alla legalità rappresenta di fatto una materia trasversale vòlta a inculcare le basi ideologiche della cittadinanza e dell’obbedienza, secondo cui «la legge è sempre buona» e «se si vogliono cambiare le cose, bisogna cambiare la legge» – beninteso: «secondo le modalità previste dalla legge stessa». Stante la delicatezza della materia da plasmare, il trattamento riservato ai “minori” che decidono determinare in piena autonomia i propri valori e, soprattutto,

Milano: cronaca di un 25 aprile in quarantena

Milano, 25 aprile 2020. Come già accaduto nei giorni precedenti a Roma e Torino, anche a Milano la Polizia ha deciso che nessun tipo di iniziativa fosse possibile in piazza, foss’anche quella di portare un fiore sulle lapidi partigiane. Probabilmente eccitati dall’essere da settimane i padroni indiscussi delle strade hanno messo in scena lo spettacolo tristo e patetico della loro forza. Ne sono risultati impedimenti e cariche, fermi e manganellate. Due cronache parallele di quanto è successo oggi in via Padova e in zone Ticinese.  

I blindi sradicati: un racconto dalla rivolta di San Vittore

Sezioni in mano ai detenuti, blindi divelti e sbarre spezzate, euforia e adrenalina: in questa maniera i detenuti del carcere di San Vittore, come quelli delle prigioni di tutta Italia, sono riusciti a far sentire la propria voce a chi sembra non avere orecchie per intendere la loro rabbia e il loro disagio nell’attuale situazione emergenziale. Dopo aver raccontato la rivolta dei prigionieri attraverso le voci dei familiari, abbiamo raccolto questa testimonianza diretta da un amico appena uscito dal carcere.

Di respirare la stessa aria… Intorno alle rivolte nelle carceri milanesi

Se sull’intero territorio nazionale viene sospesa la normalità e l’unica logica di governo è la paura, come pensiamo si possa vivere questa situazione nelle carceri, dove tale sospensione e tale logica sono la norma quotidiana? Domenica 8 marzo 2020 una serie di rivolte ha scosso l’intero sistema penitenziario italiano, con scene che i più hanno visto solo in reperti fotografici in bianco e nero. La dura reazione di Stato, che ha soffocato nel sangue le proteste dei detenuti, è avvolta

La casa è dappertutto: voci dalla Barona

Tra le strade e i cortili della Barona, zona popolare del quadrante Sud-Ovest di Milano, da qualche anno un gruppo di amici persegue un altro modo di abitare il quartiere. Come terreno d’incontro e di lotta viene scelta la “casa” e come prima sede lo scantinato di un caseggiato. Col tempo questa amicizia prende il nome di CAAB e la forma di un comitato di quartiere, nato dal basso, slegato dalla pletora di associazioni che fanno dell’inclusione sociale un vettore

« Older Entries