Tag Archives: nocività

I sicari della Green Economy. Sull’assassinio di Macarena Valdès

Assassinata perché difendeva la sua terra, il territorio Mapuche di Tranquil, dalla devastazione condotta dal colosso della green economy austriaca RP-Global (RP sta per Renewable Power, Energia Rinnovabile) e dallo Stato cileno. La vicenda di Macarena Valdès, uccisa il 22 agosto 2016, con il suo strascico di insabbiamenti giudiziari, riassume a suo modo i tratti della prevaricazione costante subita dal popolo mapuche. Una storia di intimidazioni, criminalizzazione, sequestri e assassinii, che ha alle spalle un lungo passato genocida, ma anche testimonianza

No Tap: sull’arresto di Saverio

La mattina dell’11 aprile 2018, a Melendugno (Lecce), nell’ambito della lotta contro il Tap (Trans Adriatic Pipeline) viene arrestato Saverio. Dal presidio sotto il carcere, con cui il movimento ha dato immediata risposta solidale, una compagna salentina ci racconta di quanto accaduto. http://www.radiocane.info/app/uploads/2018/04/notap_arresti.mp3Scarica il podcast

No Tap: punto e a capo

Insieme ad alcuni compagni attivi da tempo nella lotta contro la costruzione del TAP in Salento, facciamo il punto della situazione di quanto è successo negli ultimi mesi. Riflessioni sui metodi di lotta adottati, considerazioni critiche intorno al contesto territoriale tra zona rossa e tentativi di sabotaggio, e infine spunti e possibilità per il futuro prossimo. http://www.radiocane.info/app/uploads/2018/03/noTAP.mp3Scarica il podcast

La mal’aria soffia ancora su Lentini

Non è certo una novità che il traffico dei rifiuti costituisca uno dei gangli dell’economia finanziario-predatoria attorno ai quali le consorterie politico-affaristiche si stringono a coorte e che, sull’onda delle frequenti “emergenze rifiuti” decretate ora in questa ora in quell’area, l’alternanza di fasi di “stoccaggio” e operazioni di “bonifica” accompagni i diversi cicli storici, accumulando e stratificando ragioni di nocività. Ne deriva che “l’economia della discarica” viene a investire con particolare veemenza e protervia certi territori che, per la loro

Rabbia e frustrazione: una corrispondenza no Tap

In questo momento di “tregua armata” nella lotta contro il Tap, dove per l’ennesima volta s’intrecciano la rovina delle ultime illusioni democratiche e una sana e diffusa incazzatura popolare, abbiamo chiesto a una compagna di Lecce di farci il quadro della situazione attuale. AGGIORNAMENTO: la tregua è stata interrotta sabato primo aprile con la ripresa a sorpresa dei lavori. Gli attivisti sono riusciti a bloccare dei mezzi. Seguiranno aggiornamenti. http://www.radiocane.info/app/uploads/2017/03/notap.mp3Scarica il podcast

Gufi e civette contro il nucleare a Bure (Francia)

Ci sono luoghi di cui non si sospetterebbe l’esistenza se non fosse per gli scellerati proponimenti del capitale e, soprattutto, per le forme di resistenza che vi sorgono. Così è per Bure, cittadina un po’ sperduta nel quadrante orientale della Francia, dove l’ANDRA (Agenzia nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi) intende realizzare un enorme progetto di interramento delle scorie nucleari e dove, da alcuni anni, è attiva una lotta che a tale progetto intende opporsi. Anche in vista delle

Sabotaggi e case sugli alberi: la resistenza a Hambach

Un’intervista con un compagno attivo nella lotta alla foresta di Hambach, in Germania. Da cinque anni, parte della popolazione locale e alcuni solidali hanno dato vita a un accampamento permanente con lo scopo di salvare l’ultima parte di bosco rimasta intatta dalla voracità espansiva della miniera di carbone gestita dalla compagnia RWE. La stagione del taglio è prossima alla sua conclusione e per questo le persone dell’accampamento contro la deforestazione invitano ad andare ad Hambach per dare manforte alle attività

Seveso come un’infanzia

La vicenda “Seveso” non è certo questione che si possa affrontare così, con qualche decina di minuti di musica e parole. Ci sarebbe così tanto da dire da scrivere decine di volumi, che di fatto sono stati scritti e di cui diamo conto qui. Non è facile restituire all’ascoltatore di oggi i sentimenti di allora né ricostruire il gigantesco apparato di menzogna con cui è stata archiviata l’intera vicenda. Ciò che resta è l’impressione di trovarsi di fronte a un

L’inganno della Varesina Bis

La Varesina bis, opera connessa a Pedemontana e al suo sistema, si presenta come l’ennesima inutile colata di cemento che andrà a riversarsi su un territorio già duramente provato da decenni di sfruttamento esasperato e “martoriato dall’inquinamento, discariche censite e non, centri commerciali, svincoli, cave”. Quali le conseguenze ulteriori dal compimento di questa nuova costruzione ? Quali gli interessi nella sua realizzazione ? Ne abbiamo parlato con un compagno del Comitato No Varesina bis, anche in vista dell’incontro pubblico di

« Older Entries